DI MASSIMO NAVA
MASSIMO NAVA
E’ l’ultimo colpo all’Europa, ai nostri valori, all’idea stessa di convivenza e di progresso. Il Muro del Brennero é il piú sgradevole e pericoso per l’idea stessa di Europa e per che cosa ci prepara il futuro.
I Muri nei Balcani potevano essere almeno compresi, in quanto eretti da Paesi complicati da gravi problemi sociali e economici. L’accordo con la Turchia, per quanto eticamente controverso, era comunque una misura d’emergenza, tenuto conto della grande politica di solidarietá della Germania, che proprio ieri ha riaffermato misure di accoglienza e integrazione.
La chiusura dell’Austria, uno dei Paesi piú ricchi d’Europa, che oltretutto gode di una situazione privilegiata (basti pensare al sistema bancario, alle istituzioni internazionali, alla posizione geografica, all’enorme ricaduta dell’economia tedesca etc) é l’esaltazione dell’egoismo e della grettezza. Quando arrivavano gli ungheresi dopo la caduta del Muro di Berlino, Vienna apriva le sue braccia, forse con la nostalgia dell’impero. La cultura austriaca é impregnata di nostalgia e rimpianti per un mondo che scompare. Da un popolo che si é unito al nazismo con l’Anschluss potevamo forse aspettarcelo. Oggi decide lo Schluss, la chiusura. Propongo il ‪#‎boicottaggio‬ turistico. Tanto dall’altra parte del Brennero si sta molto meglio.
Annunci