DI MASSIMO NAVA
MASSIMO NAVA
E’ ancora troppo presto per una veritá definitiva sulla tragedia del volo Parigi/Il Cairo, anche se ormai l’ipotesi dell’atto terroristico é la piú accreditata. Se sará confermato, si pongono due questioni di fondo.
La prima riguarda le possibili falle nel sistema di sicurezza degli aeroporti. Gli scali francesi sono considerati al livello massimo (nonostante il recente ritiro di badge di accesso alle aree riservate in possesso di dipendenticonsiderati non affidabili o addirittura in odore di islamismo). Tuttavia, come è probabile, l’attentato é stato organizzato nei precedenti scali effettuati dall’Airbus. Questo significa che tutta la “catena” organizzativa va ripensata. E’ inoltre del tutto evidente che nemmeno il piú elevato sistema di controllo potrà garantirci il rischio zero, tanto piú che mentre l’attenzione e l’emozione collettive si concentrano sul trasporto aereo il terrorismo ha già dimostrato di potere colpire molti altri ambiti della nostra vita, del nostri spostamenti, dei luoghi di svago e soggiorno.
La conclusione é che dobbiamo abituarci a convivere con la minaccia terroristica, nella consapevolezza che le misure di sicurezza sono il prezzo che dobbiamo pagare, sacrificando un pochino della nostra libertá e della nostra privacy.
La seconda questione é politica. Perché di fatto sono stati colpiti ancora la Francia e l’Egitto. Spesso, per reazione culturale e senso di solidarietá, si é parlato di attacchi all’Occidente, all’ Europa, all’Islam moderato, agli alleati dell’Occidente. Tutto vero, ma anche troppo generico. Occorre riflettere sulla ripetitivitá di attacchi diretti e indiretti alla Francia, a Paesi in cui sono forti la presenza e l’influenza politica e militare francesi, a interessi strategici francesi. Cosi come occorre riflettere sulla ripetitivitá di attacchi all’Egitto, il cui regime dittatoriale e repressivo é anche uno dei pochi bastioni di resistenza all’islamismo radicale nel Maghreb e in Medio Oriente.
(La difesa di questo regime é un altro prezzo da pagare : sapremo mai la veritá sul caso Regeni?)
Annunci