DI DINO GIARRUSSO
Dino Giarrusso
Sapete perché la politica italiana non mi piace? Sapete perché in particolare il ‘centrosinistra’ -ed i suoi aedi- non mi piace più da tempo, e mi fa tanto arrabbiare?
Perché se questa merda successa a Firenze fosse successa in una città governata da un 5Stelle o da un Leghista o da De Magistris, adesso tutti i Giovani Democratici, gli Sceneggiatori Democratici, gli Ultras Aprioristici, gli Scalfarottos e i Nicodemos in servizio di propaganda permanente -che nemmeno sotto Breznev, Dio mio!- starebbero lì a puntate il dito, a urlare, a fare i bulletti, a scrivere hashtag simpaticissimi tipo ‪#‎classedirigentemaddeche‬ o ‪#‎catastrofirenze‬ e ci spiegherebbero pensosi perché chi ha gestito quella città non può essere in grado di governare alcunché.
Invece adesso tacciono. Tacciono, perché la città italiana ove è successo sto casino è Firenze (per me la città più bella del mondo in assoluto), che è stata governata per tanti anni da Matteo Renzi in persona, ed ora da Dario Nardella, una sua filiazione.
Ora: io non so se Renzi e Nardella abbiano colpe concrete, anzi a naso immagino di no. Ma sono SICURO che se fosse successo a Napoli o in una città governata da dieci anni da un grillino, il crollo del lungarno sarebbe stata considerata la catastrofe simbolo dell’inadeguatezza di tutto quel movimento, e avremmo le bacheche piene di questa stronzata, e forse pieni pure i titoli dei TG, e piene le Lilligruber e i Mannoni e pieni certo i maroni. Ed è questo che mi fa schifo, questo che mi preoccupa seriamente.
La politica è una cosa seria, è la gestione del nostro presente e del nostro futuro. Questa sfiancante campagna elettorale permanente, questa cecità selettiva, questa incapacità a giudicare i fatti preferendo i pregiudizi, questa tendenza ad essere sempre e solo tifosi, fa MALE a tutti noi, alle nostre vite, al nostro futuro.
Molto male. È insostenibile.
Annunci