DI PIO D’EMILIA

PIO D'EMILIA

Ieri a Hiroshima, tra le tante persone che ho incontrato e intervistato, mi hanno colpito questi due giovani: Norio e Hinako. Hanno entrambi 14 anni, lui ha una malattia che gli ha ritardato la crescita. Fisica, non certo mentale. Guardate con che serietà, articolazione e fermezza rispondono alle mie domande. Norio, che parla in perfetto inglese, lo lascio in originale. Per Hinako, ecco la traduzione: “Non ti dispiace che Obama non si sia scusato”? “Ehì perchè mai avrebbe dovuto farlo? E’ stato il Giappone ad iniziare la guerra. Usare la bomba sarà anche stato atroce, ma è il Giappone che cominciato”. Io manderei questi ragazzini, in giro per il Giappone – e per il mondo – anziché Shinzo Abe. Complimenti ai loro genitori, e ai loro maestri. Perché certe cose sui libri di scuola non si imparano (anche perchè non ci sono scritte). Si “sentono”, e basta.
"BUONE NOTIZIE PER IL GIAPPONE...NORIO E Ieri a Hiroshima, tra le tante persone che ho incontrato e intervistato, mi hanno colpito questi due giovani: Norio e Hinako. Hanno entrambi 14 anni, lui ha una malattia che gli ha ritardato la crescita. Fisica, non certo mentale. Guardate con che serietà, articolazione e fermezza rispondono alle mie domande. Norio, che parla in perfetto inglese, lo lascio in originale. Per Hinako, ecco la traduzione: "Non ti dispiace che Obama non si sia scusato"? "Eì perchè mai avrebbe dovuto farlo? E' stato il Giappone ad iniziare la guerra. Usare la bomba sarà anche stato atroce, ma è il Giappone che cominciato". Io manderei questi ragazzini, in giro per il Giappone - e per il mondo - anziché Shinzo Abe. Complimenti ai loro genitori, e ai loro maestri. Perché certe cose sui libri di scuola non si imparano (anche per che non ci sono scritte). Si "sentono", e basta."
Annunci