DI DINO GIARRUSSO
Dino Giarrusso
Grande indignazione, oggi, verso gli automobilisti che non si sono fermati ad aiutare la povera ragazza uccisa dal suo ex-fidanzato.
Ad essere indignati e puntare il dito sono spessissimo gli stessi che guardacaso non si accorgono dei mafiosi in lista con il loro partito (o peggio negano il peso di quelle presenze), non si curano del triste livello di asservimento dell’informazione al potere, tacciono sulle diseguaglianze sociali che ammorbano un paese stremato, minimizzano la pericolosità di svolte e riforme in senso autoritario.
Ad essere indignati sono spesso gli stessi che hanno paura pure a parlare, e forse pure a pensare, perché temono -poverini- di perdere i loro privilegini, le loro misere certezze legate all’essere considerati “gente che si fa i cazzi suoi”. Pensateci, a quante volte al giorno pure voi vi girate dall’altra parte per paura e per convenienza. Pensateci, se avete ancora una coscienza.
Annunci