DI NICOLETTA GRIFONI
Nicoletta Grifoni
Allora cerchiamo di fare un passo avanti. Siamo sconvolti dall’ennesima violenza cieca e insensata. Lasciando perdere la forca che qui non trova accoglienza vi chiedo e mi chiedo cosa ci sia ancora da fare. Le misure sono state rafforzate esistono reati specifici. Vogliamo provare a capire come intervenire con fatti concreti per prevenire e non per arrivare a punire quando le violenze sono già avvenute? Inizio io. Psicologi. Facilmente raggiungibili contattabili e gratuiti per accompagnare donne che vogliono interrompere rapporti difficili. Cominciando dalle scuole per ragazze e ragazzi e genitori. Per spiegare come riconoscere segnali pericolosi e sapere cosa fare. E poi corsi di autodifesa femminile. Non dobbiamo imparare a menare ma a neutralizzare un’aggressione. Non so se esistano già ma chiedere app telefoniche per richieste di aiuto e segnalazioni e personale delle forze dell’ordine preparato su queste problematiche?
Annunci