DI UMBERTO SAMMARINI
umberto sammarini
Lotito ha due particolarità: in assoluto, è il presidente più odiato nella storia della Lazio; ogni volta che deve scegliere un allenatore, è peggio che se stesse per partorire cinque gemelli da tre chili. Quando divenne presidente, in mezza giornata comperò a prezzi di saldo nove giocatori ” Boss, serve un allenatore “ Checazzo, mo pure l’allenatore? ” ” È indispensabile ” ” Vabbè, uno che costa poco Il primo contratto, stile circolo S. Pietro, lo firmò Caso: cinquantamila euro l’anno, non ē dato sapere se lordi o netti. Poi venne Papadopulo, contratto buoni pasto, centocinquantamila lacrime di sangue.Boss, bisogna alzare i prezzi, ci schifano tutti ” “Maledetti allenatori “ Rossi, Ballardini, Reja, ognuno riusciva a spizzicare qualcosa in più. Per il dopo Reja, visto che eravamo in Europa League, Lotito cominciò a volare alto: Cooper, Wenger, Van Gaal. Arrivò tale Pektovic, direttamente dal campionato svizzero. Leggende metropolitane narravano, che avesse vinto trentacinque partite di seguito. Come abbia fatto rimane un mistero, visto che allenò la squadra solo per quattro giornate. Quasi due metri per centoventi chili, Lotito decise di pagarlo a peso, ben seicentomila euri. Pektovic era, sicuramente, il mister più grosso della serie A, ma era anche un gran pippone, a campionato in corso venne richiamato Reja. Zio Eddy concluse il suo ciclo, chi prendere? Allegri, Gasperini, Del Neri, in un crescendo Rossiniano, all’elenco mancavano solo Mou, Ancelotti e Pepp Guardiola. Arrivò Pioli, detto porcospino per i capelli. Le statistiche parlavano chiaro, il primo anno le squadre di Pioli sembravano Ferrari, l’anno dopo diventavano Panda. Così fu, amen. Persi i preliminari di Champions, l’Europa League, la Coppa Italia e decimi in campionato, il destino di Pioli era segnato. Con largo anticipo si decretò che il futuro allenatore, sarebbe stato il roccioso ex Sinisa. A sette giornate dalla fine subentra Inzaghi. Nel frattempo, oltre a Sinisa si sente anche Juric che costa poco. Si offre Prandelli in cerca di riscatto, si cerca di capire se Inzaghi può funzionare, tanto per essere sicuri, vengono contattati anche Donadoni, Gasperini, Mazzarri e Lippi. Lippi, che in Cina prendeva lo stipendio con il furgone blindato, è una boutade, Mazzarri invece, pure, ormai veleggia sui tre milioni l’anno. Sbuca Sampaoli, e chi è? Il vecchio allenatore del Cile, con il quale ha vinto una Coppa. Sembra lui il prescelto, 2.5 l’anno, ma chi te conosce? Vabbè c’è Prandelli, certo che pure Inzaghino ha fatto un buon lavoro. ” Tare, ma Ventura te fa schifo?”Certo che no, però mi piace anche De Boer” “L’allenatore ē Prandelli, deciso, però aspettiamo, Ventura non mi dispiace “ Cesare, che ormai ha il fegato spappolato, riceve rassicurazioni, è lui l’unto dal signore. Ventura viene dirottato verso la Nazionale, Prandelli fa la ola, ma in quel di Villa S. Sebastiano “Tare, Prandelli me piace, però vuole 1.8 l’anno, volemo sentì Maran?
Annunci