DI SERGIO SERGI
Ormai da mesi la giornalista Maria Teresa Meli, su Il Corriere della Sera, scrive le sue note politiche all’insegna del cosiddetto retroscena e si occupa spesso di riportare il pensiero di Matteo Renzi ponendo tra virgolette frasi che il presidente del Consiglio avrebbe pronunciato in privato. Oggi, domenica elettorale, si apprende che il capo del governo avrebbe detto dei suoi avversari: “Lasciamoli urlare che dopo il referendum sono finiti. Al traguardo finale non ce ne sarà per nessuno”.
Le frasi raccolte da MT Meli non sono mai smentite da Palazzo Chigi, dunque è da ritenere che, anche queste ultime, siano verissime. I cittadini italiani sono, di conseguenza, informati di essere governati da un presidente del Consiglio che si esprime in quei termini: “Sono finiti”. Il referendum è un appuntamento che serve per fare i conti. Non importa la sostanza, non interessa il contenuto della riforma costituzionale ma la soluzione finale. Perché è la “partita della vita”. Una sparatoria all’OK Corral. Piacerebbe tanto sapere che MT Meli si stia inventando tutto. Mattacchiona.
Annunci