DI ANNA LISA MINUTILLO
La premonizione della 22enne una settimana prima dellʼ omicidio. Vertice in Procura per accertare la premeditazione di Vincenzo Paduano
“Ho paura che mi ammazzi”. Le parole pronunciate da Sara una settimana prima della sua uccisione al nuovo ragazzo hanno in se qualcosa che lasciva già presagire ciò che da li a pochi giorni sarebbe purtroppo realmente accaduto. “Ho paura che mi ammazzi”. Queste le parole che Sara disse ad Alessandro Giorgi.  Quella frase Sara la pronunciò dopo l’aggressione subita da Vincenzo Paduano che la sorprese con Giorgi il suo nuovo ragazzo . Venne strattonata e costretta a seguirla sulla sua auto poiché Paduano voleva da lei delle spiegazioni Non riusciva ad accettare la fine della loro storia. Il 28 maggio, dopo averlo ricevuto a casa, Sara gli riconfermò la fine della loro storia.
Nell’ ex solo rabbia silenziosa e dopo aver ascoltato l’ennesimo rifiuto di Sara decise di agire: chiese uno spray urticante a un suo ex collega, che verrà nuovamente riascoltato dagli inquirenti. La sua intenzione era quella di tramortirla in qualche modo.
Nonostante la tanica di benzina in auto, lo spray al peperoncino, il tentativo di costruirsi un alibi lasciando il cellulare sotto carica al lavoro e dichiarando che si trovava in quella zona poiché era stato con una prostituta, il gip non ha accolto la premeditazione. Oggi si terrà un vertice in Procura per fare il punto sulle indagini e verrà dato il nullaosta per la restituzione della salma dopo l’autopsia.
foto di Anna Lisa Minutillo.
Annunci