DI STEFANO SYLOS LABINI

stefano sylos labini

Se cerchiamo di estrarre delle indicazioni sul piano nazionale, possiamo dire che le elezioni comunali sono state caratterizzate da:
1. elevato astensionismo: 4 elettori su 10 non hanno votato;
2. grande risultato del Movimento a 5 Stelle;
3. conferma della forza relativa della Lega nel Centrodestra;
4. declino del PD e di Forza Italia;
5. marginalità della sinistra;
6. affermazione personale di De Magistris a Napoli.
In sintesi, i partiti euroscettici come M5S e Lega dimostrano di avere la maggiore capacità propulsiva nel quadro politico italiano.
A questo punto entrambi i partiti dovranno chiarire quale sarà la loro posizione nei confronti dell’Europa, perché in Europa il nostro paese dovrà giocare la partita decisiva.
Il M5S punta su un referendum consultivo sull’euro dando l’impressione di “lavarsene le mani” e cioè di evitare di schierarsi in modo netto delegando la decisione ai cittadini.
La Lega è alleata di Berlusconi che sta nel Partito Popolare Europeo accanto alla Merkel, la principale responsabile della politica di austerità che sta strangolando l’Italia.
Vedremo se M5S e Lega riusciranno a lanciare delle proposte serie e credibili per cambiare i rapporti tra l’Italia e l’Europa.

https://i1.wp.com/www.ilgiornale.it/sites/default/files/styles/large/public/foto/2015/08/09/1439119616-salvini-grillo.jpg

Annunci