DI RITA PANI
rita pani
Siamo un gregge di pecore sempre più mansuete, che si recano al macello fischiettando. Le donne continuano a morire come cavallette, ammazzate da maschi sempre più viziati dall’indifferenza alla vita umana, trogloditi, sentimentalmente analfabeti. Ci basta un drappo rosso o un fiocchetto colorato per dimostrare agli altri, a questo mondo che appare sempre più un non luogo immenso e aperto, e che in realtà sempre più ci chiude al centro delle nostre quattro mura, impedendoci ogni azione e ogni reazione. Un fiocchetto per dire al mondo tutta la nostra beltà, tutto il nostro candore dell’animo, mentre tutto continua a marcire, infettato dall’ignoranza. Francamente, che la presidente della Camera abbia esposto al balcone del suo ufficio un drappo rosso, mi offende. Non è l’estetica insulsa di un gesto modaiolo che potrà salvare le donne ammazzate per nulla, che potrà far cessare la strage. Ci vuole impegno e fatica, ci vogliono soldi – quei soldi che pare non ci debbano essere mai per le cose importanti, ma che continuano ad essere razziati dall’avidità di pochi eletti malfattori. Come tutto, come la storia ci avrebbe dovuto insegnare, per farci tornare a un minimo accettabile di civiltà serve solo la cultura. Il sapere. La conoscenza e la coscienza. Bisognerebbe insegnare i sentimenti ai bambini, la sensibilità, l’uguaglianza, il rispetto per la vita che è già viva. Ma da troppo tempo, ormai, ci si occupa più tangibilmente di un embrione, che di un bambino che resterà orfano per mano del padre, o che diventerà anche lui cadavere, pianto e applaudito quando sarà chiuso dentro la cassettina di legno bianco che lo conserverà per sempre. E laddove i danni son fatti, là dove ancora esistono gli analfabeti non c’è bisogno di drappi rossi, ma di finanziamenti alle case protette, alle strutture d’ascolto, ai consultori che chiudono per mancanza di fondi ed energie, alle varie associazioni che si reggono sul volontariato e sulle donazioni, sempre meno cospicue in un paese che arranca e che inizia a dare del tu alla fame e alla povertà. C’è bisogno di sostenere finanziariamente le donne prigioniere che dalle loro prigioni non possono evadere, schiave della povertà che sempre più si radicalizza nel paese. Bisognerebbe finanziare le scuole pubbliche e non quelle che insegnano ancora alla donna che bisogna essere vergini e pie, e al massimo sopportare in nome del Signore. Non sarà certo l’esposizione di un drappo rosso a farci smettere di essere agnelli che nemmeno avranno il tempo di diventare pecore.

violenza-sulle-donne

Annunci