DI RITA A. CUGOLA
Il cosiddetto principe dei credenti Abu Bakr al-Baghdadi – leader supremo  del Daesh – sarebbe rimasto gravemente ferito nel corso di un’incursione area. Le bombe di precisione sganciate dalla Combined Joint Task Force a guida Usa  avrebbero infatti colpito il suo bunker segreto di Rabiah, situato al confine tra la provincia irachena di Ninive e quella siriana di Raqqa, un’ area  solitamente presidiata dai fedeli guerriglieri della tribù Shammar.  L’episodio, rivelato da al-Samariya Tv, non è stato però confermato dal Pentagono.
Annunci