QUANDO L’ITALIA VINSE L’EUROPEO

DI VINCENZO PALIOTTI
Oggi 10 Giugno 2016 iniziano gli Europei di calcio mentre noi vogliamo ricordare, come augurio per la nostra Nazionale, un altro 10 Giugno. Era l’anno 1968 e allo Stadio Olimpico di Roma si affrontavano Italia e Jugoslavia per la ripetizione della finale dei Campionati Europei giocata due giorni prima nello stesso stadio finale che terminò con un pareggio, 1 a 1. Stesso risultato anche dopo i tempi supplementari. Allora non c’erano ancora i calci di rigore bensì il lancio della monetina, quella stessa monetina che fu benevola con noi nella semifinale contro l’URSS giocata a Napoli e terminata 0 a 0. Ma nel caso della finale gli organizzatori ritennero ingiusto assegnare il titolo con quella procedura e decisero quindi di rigiocare la partita. In quella gara il CT Ferruccio Valcareggi cambiò ben sette elementi mentre la Jugoslavia uno soltanto. E la cosa si notò fin dai primi minuti sia per l’atteggiamento più offensivo degli azzurri, sia per la maggiore freschezza atletica della nostra Nazinale rispetto alla Jugoslavia che aveva evidentemente speso molto più di noi nella prima gara. La partita si decise tutta nel primo tempo con gli azzurri in vantaggio già nei primi 15 minuti segnando con Gigi Riva prima e con Anastasi dieci minuti più tardi con un gol molto bello. Ma oltre a ciò l’Italia ebbe ancora altre occasioni per impinguire i risultato ma un po’ la bravura del portiere slavo Pantelic, un po’ di imprecisione fissarono il punteggio sul 2 a 0.
La ripresa non diede grandi sussulti, la Jugoslavia oltre che stanca era anche psicologicamente a terra avendo risentito dell’uno due degli azzurri e così il nostro capitano Giacinto Facchetti potè alzare al cielo la coppa Henri Delaunay, dal nome del suo ideatore, che ci consacrava Campioni d’Europa. L’Italia vinceva così un titolo esattamente 30 anni dopo la vittoria al Mondiale di Francia della selezione di Vittorio Pozzo. Lo spettacolo dell’Olimpico fu qualcosa di suggestivo e commovente, chi visse quella serata lo ricorda bene: una marea di fiaccole si accesero facendo da cornice al capitano Facchetti ed alla squadra che compiva il giro di campo per mostrare la Coppa ai quasi 80.000 spettatori. La squadra che scese in campo quel 10 Giugno 1968 e che si fregiò di quel titolo era composta da: Zoff, Burgnich, Facchetti, Rosato, Guarneri, Salvadore, Domenghini, Mazzola, Anastasi, De Sisti, Riva, Commissario Tecnico Ferruccio Valcareggi. Ricordiamo che fecero parte di quella Nazionale anche: Rivera, Albertosi, Juliano, Ferrini, Castano, Anquilletti, Prati, Lodetti, Lido Vieri, Bercellino, Bulgarelli. Qualcosa è cambiato da allora. Il fatto di poter sostituire tanti giocatori tra una partita e l’altra dimostra quanto fosse più “agevole”, a quei tempi, per un CT arrivare a formare un gruppo con tanti giocatori di talento. Quello che purtroppo manca oggi che è tutto molto più difficile per svariati fattori, dalla disattenzione che si ha per i vivai rispetto al passato, e per la presenza forse eccessiva di stranieri nel nostro campionato.
foto di Vincenzo G. Paliotti.
Mi piaceVedi altre reazioni

Commenta

Advertisements

nessun commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...